Il Circeo

  • iStock-1050803330.jpg
  • 52422960
  • P_20181115_104052_vHDR_Auto.jpg
  • 52422965
  • P_20181115_104111_vHDR_Auto.jpg
  • 52422962
  • face2.jpg
  • iStock-536094265.jpg
  • face4.jpg
  • 52422964

Il regno di Circe

Il Circeo è il monte che domina questa porzione di costa.
Non è eccezionalmente alto (540 m) ma la sua forma ed il suo possente emergere dal mare, lo mettono in grande rilievo. 

La sua fama risale ai tempi di Ulisse e della guerra di Troia.
L'Odissea narra che Ulisse ed i suoi compagni vi fecero tappa  e vi rimasero, prigionieri della Maga Circe, che li aveva trasformati in porci. 

Il palazzo di Circe stava nell'isola Eea, che da sempre viene identificata col monte Circeo.
Questo è in realtà collegato alla terraferma da una sottile striscia di terra, molto bassa e rimasta palude fino al secolo scorso. 

Oltre alla posizione preminente, il Circeo si caratterizza per il suo profilo: vi si riconosce chiaramente il corpo di una persona, sdraiata rivolta al cielo. 
In particolare si riconoscono molto bene i tratti di un volto: naso, bocca, occhi, fronte, sia dal lato terrestre che da quello verso il mare.  

Il naso è lungo circa 60 metri, la fronte un centinaio, e così via: dimensioni enormi se confrontate con quelle del famoso monte Rushmore,  dove i volti dei 4 presidenti americani, sono alti complessivamente solo 20 metri.

Non ci sono studi certi sull'origine del mito di Circe, ma è probabile che sia nato dalla fantasia degli antichi marinai greci, che navigavano spesso in questa zona e che avevano bisogno di punti di riferimento a terra, per calcolare la loro posizione in mare.

Erano persone che riuscivano a scorgere un carro nei puntini di 7 stelle, o un Leone in altre 9 stelle (oramai noi sappiamo distinguere solo le stelle maggiori).
Avevano una fervida fantasia: vedevano divinità, mostri e prodigi dappertutto. 

Un volto così ben delineato, neanche a dirlo femminile, lo sapevano riconoscere certo da mille miglia lontano !